Formarsi per Formare - Percorso di alternanza scuola lavoro

Due studenti dell'Istituto sono stati selezionati per partecipare alla 3°Edizione del progetto di Terza Cultura "Formarsi X Formare" realizzato con il contributo di PortaleRagazzi.it e Fondazione CR Firenze.

Si tratta di un corso di formazione, un concorso con borsa di studio e un progetto di alternanza scuola/lavoro con l’obiettivo di formare “giovani educatori” sull’utilizzo delle Nuove Tecnologie applicate alla Didattica.

Gli studenti parteciperanno ad un percorso di formazione e progettazione di 60 ore all’interno del quale verranno affrontate le seguenti tematiche:

  • CONCETTI DI BASE SULLA COMUNICAZIONE e LA FORMAZIONE
  • ROBOTICA EDUCATIVA
  • CODING e CREATIVE COMPUTING
  • SCANSIONE/MODELLAZIONE/STAMPA 3D

Il percorso si suddivide in 30 ore di formazione teorico/pratica e 30 ore di progettazione assistita - in orario extrascolastico - realizzate da esperti e professionisti di Terza Cultura.

Ogni coppia di partecipanti, alla fine del percorso formativo, dovrà presentare un progetto didattico nell'ambito del proprio percorso di studi superiori, che preveda l'integrazione delle nuove tecnologie (ROBOTICA EDUCATIVA, CODING e CREATIVE COMPUTING, SCANSIONE MODELLAZIONE E STAMPA 3D) destinato a studenti delle classi terze della Scuola Secondaria di 1° grado.
I progetti saranno valutati da una Commissione che premierà 5 progetti didattici dei 10 presentati. Le 5 coppie premiate riceveranno una borsa di studio di € 800,00 che permetterà agli studenti di partecipare attivamente, in qualità di giovani formatori, alle attività promosse da Terza Cultura.

Le cinque coppie di studenti premiate concluderanno il percorso proponendo le proprie unità didattiche a scolaresche o pubblico generico nell'ambito di attività dedicate alla divulgazione della cultura scientifica realizzate da Terza Cultura Soc. Coop., nell'area fiorentina, durante l'A.S. 2019/2020, in orario scolastico e non, per un totale di 16 ore.

Gli studenti selezionati, che frequentano la classe 4P dell'indirizzo tecnico Sistemi Informativi AziendalI e la classe 4AL del Liceo delle scienze umane, saranno accompagnati durante il loro percorso rispettivamente dal prof. Biagio Palacino e dal prof. Fausto Moriani.

Si tratta di un percorso triennale che prepara i ragazzi al mondo del lavoro attraverso un’esperienza di apprendimento e sperimentazione.
Intesa Sanpaolo con tale progetto si propone di:
• promuovere una conoscenza del mondo del lavoro
• favorire una prima sensibilità sulle competenze essenziali per lo sviluppo professionale
• sviluppare le principali soft skill richieste dal mondo del lavoro
• sperimentare dinamiche imprenditoriali attraverso esperienze pratiche

La classe coinvolta del nostro Istituto è la 4°B del Tecnico economico - Amministrazione finanza e marketing.
La classe ha iniziato il percorso di ASL in terza (a.s. 2017/18) svolgendo un primo periodo di tre settimane nel gennaio 2018. Attualmente, dal 5 al 24 novembre, sta svolgendo il secondo periodo si alternanza.
Altre due settimane saranno svolte a giugno del 2019, per terminare con altre tre settimane a settembre del 2019.

Al via il Progetto Z LAB presso Banca INTESA per la classe IIIB AFM

Il Galilei vince il secondo premio del progetto "Storie di alternanza"

Il progetto di alternanza "Ristorazione 4.0: la buona scuola è servita" ha partecipato al premio "Storie di alternanza" iniziativa promossa dalle Camere di Commercio italiane con l’obiettivo di valorizzare e dare visibilità ai racconti dei progetti d’alternanza scuola-lavoro ideati, elaborati e realizzati dagli studenti e dai tutor degli Istituti scolastici italiani di secondo grado.
Il nostro progetto si è piazzato al secondo posto in ambito provinciale e si è aggiudicato un premio di 2.000 euro. E' stato, inoltre, selezionato per partecipare alla competizione a livello nazionale promossa da Unioncamere.
Gli studenti della classe 4 P (Sistemi Informativi Aziendali) si sono cimentati con entusiasmo in tale attività e come prodotto finale hanno realizzato un video che racconta la loro esperienza vissuta con passione e un pizzico d’ironia. Durante tutta l’attività di alternanza scuola lavoro i ragazzi sono stati seguiti dalle docenti Cinzia Petroni e Delia Stocco.

Vai alla pagina del video

"Scuole outdoor", di cui l'ISIS “Galilei” fa parte, è una rete di scuole sorta nel 2006, per promuovere progetti in cui il movimento e l'esperienza in ambiente naturale sono parte attiva di una azione educativa integrata, per la formazione di cittadini rispettosi e convinti promotori dei valori umani, civili e ambientali. Dal 24 al 29 maggio 2018, diciassette studenti del “Galilei”, delle classi 3BL, 4BL, 4DL e 4EL del Liceo delle Scienze umane, accompagnati dagli insegnanti Paola Baldoni e Fausto Moriani (a loro volta formatisi, insieme ai colleghi Giunia Adini e Susanna Falchini), hanno potuto effettuare una parte significativa dell'alternanza di scuola e lavoro, affidandosi a questa Rete, attiva nelle montagne del Veneto, teatro della Prima Guerra Mondiale, nonché nell'isola di Capraia e nell'isola d'Elba. Si è trattato di un'esperienza tanto formativa quanto impegnativa e faticosa. Si trattava infatti di collaborare con esperti locali alla ricostruzione di parte delle trincee italiane del leggendario Monte Tomba, prima linea della difesa italiana dopo la disfatta di Caporetto. Grosse pietre da trovare, scegliere, sbozzare, trasportare, issare, collocare seguendo un progetto, un lungo lavoro di documentazione e di studio, anche sotto la guida di esperti. In particolare, la realizzazione di una pubblicazione sul tema tragico dei cosiddetti scemi di guerra, vittime dello shell schok, aiutati dallo storico Filippo Benfante. E poi lezioni sugli aspetti militari, storico-artistici, letterari, ideologici, retorici e antiretorici, eroici ed antieroici di un conflitto mondiale, fatto, in gran parte, di “sangue, merda e fango”. Storia, senz'altro, ma anche, come argomenta l'odierna storiografia, uso della storia. Accanto agli studenti, a faticare con loro e a raccontare il loro punto di vista, alpini in congedo, cultori di storia locale, appassionati di montagna e cosiddetti neorecuperanti, come lo straordinario Marino Finato, che ha fatto breccia nei cuori di tutti. Neorecuperanti anche gli studenti che hanno cercato e trovato reperti bellici col metal detector. Tra le attività, il trekking storico-naturalistico di 15 km fino al leggendario Monte Grappa, il Sacrario custode di memorie nazionali e silloge di un'intera epopea, delle sue glorie, delle sue contraddizioni e del suo uso, anche ideologico; e l'ascesa – meno impegnativa, ma bellissima – al Monte Palon, altro luogo simbolo della Prima Guerra mondiale. Storia e natura, dunque. E poi la vita in comune: programmare la spesa, dormire insieme, cucinare per tanti, razionalizzare l'uso delle scarse risorse idriche, tenere pulito il rifugio della sezione locale dell'Associazione Nazionale Alpini, generosamente messo a disposizione. E' in esperienze come queste, di formazione integrale, che la didattica per competenze esce dal novero delle formule didattichesi e diventà realtà.