Regolamento d'Istituto approvato dal Consiglio di Istituto nella seduta del 7 settembre 2020

Galileo Galilei - Istituto Statale di Istruzione Superiore Tecnica e Liceale

Via di Scandicci, 151 - 50143 Firenze tel.: 055 704569 - fax: 055 705706

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - www.iisgalileifi.edu.it – cod.fisc.: 94061470483

ART. 1 – PREMESSA

La vita della Scuola è organizzata sulla base dei principi democratici sanciti dalla Costituzione repubblicana. Il fine della Scuola è quello di favorire la formazione e lo sviluppo delle attitudini dei giovani e di preparare il loro inserimento come cittadini nella società. Il regolamento interno dell’Istituto mira a garantire una convivenza ordinata. La Scuola appartiene a tutti e ciascuno è tenuto ad osservare le regole che essa si è data, nel rispetto delle cose comuni e delle altrui libertà, per la stessa tutela e garanzia delle proprie. Il presente regolamento, nel rispetto delle disposizioni di legge, mira a rendere più agile e fruttuosa l’opera delle varie componenti scolastiche.
Il Regolamento viene aggiornato per la pianificazione e l’organizzazione degli orari, degli spazi, delle attività scolastiche, educative e formative post Covid-19.

L’ingresso nei tre plessi dell’Istituto, sede centrale e due succursali, da parte degli Studenti, eventuali accompagnatori, Docenti, Ata e personale esterno sarà regolamentato secondo le indicazioni presenti nelle linee guida del CTS (Comitato Tecnico Scientifico) e del Miur sui cui aggiornamenti la comunità scolastica verrà aggiornata costantemente con circolari interne.

L’ingresso a scuola sarà al plesso di frequenza e avverrà tramite le entrate dedicate. Si dovranno evitare assembramenti e rispettare le distanze di sicurezza di almeno un metro, sia nello spazio antistante l’ingresso sia durante tutto il percorso sino alla propria aula.
Gli studenti che arrivano in ritardo, dopo gli accertamenti di cui sopra, si recheranno direttamente in classe.

Gli Studenti dovranno venire a scuola muniti di una mascherina chirurgica personale con la quale coprire adeguatamente naso e bocca. Dovranno indossarla obbligatoriamente:

  • in ingresso, ed in uscita;
  • all’interno dei laboratori;
  • in un eventuale spostamento all’interno dell’aula autorizzato dal docente;
  • negli spostamenti all’interno dell’edificio scolastico.

Tutti i locali scolastici devono essere frequentemente areati e lo saranno ad ogni cambio di ora e ogni qual volta uno degli insegnanti in aula lo riterrà necessario.
Il Docente può spostarsi dalla sua posizione fissa, muoversi tra i banchi/sedie o le postazioni di lavoro e avvicinarsi agli allievi solo indossando la mascherina (così come gli allievi stessi) e toccare le superfici toccate dall’alunno dopo essersi disinfettato le mani.
Gli spazi esterni potranno essere utilizzati come spazio per fare lezione ed altre attività formative all’aria aperta. L’accesso a tali aree sarà comunque scaglionato in modo da non creare affollamenti, secondo un’organizzazione ben precisa.

ART. 2 - INGRESSO STUDENTI

L’ingresso degli Studenti nelle aule avviene tra il primo suono della campana ed il secondo, che segnala l’inizio effettivo delle lezioni. L’orario di seguito riportato entra in vigore dal mese di Settembre 2020. La prima campanella suona alle ore 7.55. Le lezioni iniziano alle ore 8:00. Gli Insegnanti ottemperano al loro obbligo di sorveglianza con la presenza nelle aule dal primo suono della campanella.

Gli studenti si impegnano a rispettare tale orario, partendo dalle proprie abitazioni con congruo anticipo, ma se fossero impossibilitati a salire sui mezzi di trasporto a causa delle restrizioni anti-Covid19, è tollerata una flessibilità sull’orario di ingresso di, al più, 30 minuti, senza che tale ritardo debba essere giustificato. Questa flessibilità, dopo un periodo di sperimentazione, potrà essere modificata con atto della dirigenza.

Al cambio dell’ora gli Insegnanti si recano tempestivamente nelle loro classi e gli Studenti li attendono in aula, al fine di non creare assembramenti e di non disturbare il lavoro delle altre classi. I Collaboratori scolastici hanno cura di comunicare ai collaboratori del Dirigente Scolastico, entro i primi dieci minuti dell’ora di lezione, l’eventuale assenza dell’Insegnante in modo che si possa disporre la sostituzione o la sorveglianza. A questo scopo è approntato all’inizio dell’anno scolastico un elenco di insegnanti a disposizione per eventuali sostituzioni per ciascuna ora di lezione.

ART. 3 - INGRESSI IN RITARDO E USCITE ANTICIPATE

In caso di ritardo lo Studente è ammesso all’inizio della seconda ora di lezione dall’Insegnante che è in classe e che prende visione della giustificazione (da richiedere per il giorno successivo qualora il ritardo sia dovuto a cause impreviste). In caso di accertato abuso da parte dello Studente, viene informata la famiglia. Non sono ammessi ingressi dopo l’avvio della seconda ora di lezione; sono eccezionalmente consentiti con presentazione di adeguata documentazione. L’uscita prima dell’orario normale è consentita solo in caso di inderogabile e motivata necessità o per sopraggiunti problemi di salute. Gli Studenti, se minorenni, possono allontanarsi dalla Scuola solo se accompagnati da un genitore regolarmente munito di documento di identità; se maggiorenni, possono uscire presentando richiesta con motivazione idonea. L’Insegnante in servizio ne prende nota sul registro di classe. Nei casi ripetuti e ingiustificati di ritardi ed uscite anticipate vale quanto stabilito riguardo alle assenze.

ART. 4 - GIUSTIFICAZIONI ASSENZE

L’Insegnante della prima ora di lezione registra sul giornale di classe le giustificazioni, dopo averne controllato la regolarità (firma del genitore o di chi ne fa le veci) e la conformità alla normativa (certificato medico per assenze superiori a cinque giorni; visto dell’A.S.L. in caso di malattia infettiva). Qualora la giustificazione non sia portata con regolare tempestività, il Coordinatore avverte la famiglia. Fatte salve le competenze del Dirigente Scolastico, i casi di assenze ingiustificatamente ripetute e/o protratte sono discussi dai Consigli di classe, che valutano gli interventi più opportuni. Nel caso in cui l’Insegnante non richieda la giustificazione è dovere dell’alunno presentarla comunque.

ART. 5 - ALUNNI CHE NON SI AVVALGONO DELL'INSEGNAMENTO DELLA RELIGIONE CATTOLICA

Gli alunni che non si avvalgono dell’ora di insegnamento della Religione Cattolica, entrano un’ora dopo o escono un’ora prima, quando l’orario scolastico lo rende possibile. Nel caso in cui l’ora di insegnamento della Religione Cattolica sia nel corso dell’orario obbligatorio gli alunni dovranno uscire dall’edificio scolastico consegnando in portineria la tessera con la fotografia che è stata loro rilasciata dalla scuola, che poi riprenderanno al rientro.

ART. 6 - PRESENZA IN CLASSE

In ogni aula la capienza massima è indicata con apposita cartellonistica covid-19. Il numero di studentesse e studenti che possono abitarla è quindi definito a priori e non può essere superato. All’interno delle aule assegnate alle classi i banchi e le sedie sono posizionati secondo le disposizioni del Comitato Tecnico Scientifico nel seguente modo:

  • distanza di almeno 1 metro dalla rima buccale degli alunni;
  • distanza non inferiore a 2 metri tra la postazione del docente e la prima fila di banchi;
  • presenza di corridoi di 60 centimetri tra le file dei banchi per garantire la via di fuga in caso di emergenza;
  • sotto ogni banco sono presenti degli adesivi segnalatori che consentono un’immediata percezione dell’eventuale “perdita di posizione”, inducendo ad una conseguente ripresa della medesima.

Le aule per le classi sono fisse, come è fisso, almeno per l’intera mattina, il posto (banco e sedia) assegnato allo studente nell’aula, salvo casi specifici che andranno definiti ed organizzati.

Durante le ore di lezione, è consentito agli Studenti uscire dall’aula solo con il permesso dell’Insegnante che non può far allontanare più di uno Studente per volta. Non è permesso agli Studenti lasciare l’edificio scolastico, neppure temporaneamente, durante le ore di lezione o nell’intervallo.

Al fine di limitare assembramenti l’accesso ai bagni sarà consentito, eccezionalmente e a discrezione del Docente, anche durante l’orario di lezione. Gli Studenti potranno chiedere di andare in bagno uno per volta, al fine di consentire l’igienizzazione dei servizi igienici ed evitare l’assembramento. Gli studenti e le studentesse si disporranno in una fila ordinata e distanziata per accedervi, resteranno in fila indossando la mascherina e si laveranno le mani anche prima di accedere al bagno. Per agevolare quanto sopra gli studenti si atterranno alla apposita segnaletica.

Oltre a raccomandare la massima cura nell’utilizzare arredi e strumenti di proprietà dell’Istituto, chiediamo agli studenti di mantenere pulite le proprie postazioni, usando i contenitori per la differenziazione dei rifiuti presenti nelle classi. Raccomandiamo di portare esclusivamente i libri necessari alle lezioni della mattina e, in uscita, di non lasciare nulla sui banchi o nel ripiano sottostante, soprattutto mascherine e fazzoletti usati.

La Didattica in presenza è una priorità per il nostro Istituto. Considerate le indicazioni previste dalla normativa vigente in materia di emergenza da Covid-19 ed il numero degli studenti per classi, il nostro Istituto assicura la didattica in presenza a tutte le classi con un numero di studenti non superiore a 21. Per le altre classi prevede un sistema misto, in presenza per 21 studenti, a distanza i rimanenti. In tale ultimo caso si prevede una rotazione dei suddetti studenti, che frequenteranno la lezione del docente a scuola, in un’aula individuata per ospitarli, oppure a casa, in modalità remota e in tempo reale. Fa eccezione la succursale a San Bartolo a Cintoia che può attuare, per la capienza delle sue aule, la didattica in presenza per tutti gli studenti.

L’attività in presenza sarà prevalente anche se la Didattica Digitale Integrata (DDI) costituirà parte integrante dell’offerta formativa.

Nel caso in cui fosse necessaria una parziale o anche una totale sospensione dell’attività didattica in presenza, la scuola ha già tutti gli strumenti necessari per attivare la Didattica Digitale Integrata.

Le piattaforme e gli strumenti di cui la scuola dispone per realizzare tale didattica possono essere usati anche da alunni costretti ad assenze prolungate (studenti fragili, con problematiche di salute, etc).

Si rimanda al Piano Didattica Digitale Integrata, redatto ai sensi delle Linee Guida DDI, a dettagliare quanto sopra stabilito.

ART. 7 - INTERVALLO TRA LE LEZIONI

In tutti i plessi dell’Istituto gli intervalli, gli accessi ai servizi igienici e agli spazi interni ed esterni degli edifici, seguono le norme anti Covid-19.

Durante gli intervalli, gli Studenti devono restare all’interno della propria aula con l’insegnante addetto alla sorveglianza; dovranno obbligatoriamente indossare la mascherina e igienizzarsi le mani prima e dopo essere usciti dalle aule per recarsi ai bagni.

La sorveglianza durante le pause è regolata con circolare interna.

Durante l’intervallo Studenti ed Insegnanti sono responsabili dell’ambiente scolastico e della civile convivenza.

Intervallo nella sede centrale.

Il primo intervallo è così modulato:

  • dalle ore 9.50 alle 10.00 solo per le classi poste al piano terreno e nell’ala destra dell’edificio, sia del primo che del secondo piano;
  • dalle 10.00 alle 10.10 solo per le classi poste nell’ala sinistra dell’edificio.

Il secondo intervallo è così modulato:

  • dalle ore 11,50 alle ore 12 solo per le classi poste al piano terreno e nell’ala destra dell’edificio, sia del primo che del secondo piano;
  • dalle 12.00 alle 12.10 solo per le classi poste nell’ala sinistra dell’edificio.

Nelle succursali il primo intervallo sarà regolamentato come segue:

  • dalle ore 9.50 alle 10.00 solo per tre classi su cinque;
  • dalle 10.00 alle 10.10 solo per le restanti due.

Il secondo sarà regolamentato come segue:

  • dalle ore 11.50 alle 12.00 solo per tre classi su cinque;
  • dalle ore 12.00 alle 12.10 solo per le restanti due.

ART. 8 - UTILIZZAZIONE DEL BAR

Il bar è temporaneamente chiuso. Quando verrà riaperto l’accesso sarà regolamentato da apposita circolare. Pertanto, per il momento, tutte le bevande e le merende dovranno essere portate da casa e queste non potranno essere scambiate tra gli studenti.

ART. 9 - ACCESSO AI LOCALI SCOLASTICI

L’accesso ai locali scolastici, fino a nuove disposizioni di prevenzione del Covid-19 è consentito esclusivamente:

  • al personale scolastico in servizio (per lezione o attività organizzative) e al personale ATA in servizio;
  • all’utenza solo previa prenotazione.

Il personale in portineria identifica chi richiede l’accesso, se ricade nelle tipologie sopra descritte lo fa entrare. In caso contrario invita a prendere appuntamento per accedere in modo corretto ai locali scolastici.

Durante l’orario scolastico non è consentito agli alunni avere contatti con estranei che non siano stati preventivamente autorizzati.

ART. 10 - DIVIETO DI FUMARE

Ai sensi e per gli effetti delle disposizioni sotto riportate, è fatto divieto a tutto il personale, agli studenti, ai genitori, ai visitatori di fumare negli spazi interni e nelle pertinenze esterne all’istituto; lo stesso vale per le sigarette elettroniche.

In base al D.L. 12 settembre 2013, n. 104, Art. 4 (Tutela della salute nelle scuole), si riporta quanto segue:

All'articolo 51 della legge 16 gennaio 2003. n. 3, dopo il comma 1 e' inserito il seguente: "1-bis. Il divieto di cui al comma 1 e' esteso anche alle aree all'aperto di pertinenza delle istituzioni scolastiche statali e paritarie.". 2. E' vietato l'utilizzo delle sigarette elettroniche nei locali chiusi delle istituzioni scolastiche statali e paritarie, comprese le sezioni di scuole operanti presso le comunità di recupero e gli istituti penali per i minorenni, nonché presso i centri per l'impiego e i centri di formazione professionale. 3. Chiunque violi il divieto di utilizzo delle sigarette elettroniche di cui al comma 2 e' soggetto alle sanzioni amministrative pecuniarie di cui all'articolo 7 della legge 11 novembre 1975, n. 584, e successive modificazioni.

ART. 11 - USO TELEFONI PORTATILI

È vietato usare e tenere sui banchi telefoni mobili e altri dispositivi elettronici non pertinenti all’attività scolastica durante le ore di lezione, salvo autorizzazione espressa del docente in aula per finalità didattiche.

ART. 12 - ACCESSO ALL’ISTITUTO E PARCHEGGIO

Per garantire l’accesso agli spazi scolastici ed extrascolastici e non creare intralcio all’ingresso o all’uscita, allievi e Insegnanti sono tenuti a parcheggiare solo nelle zone delimitate. Ogni veicolo parcheggiato in modo tale da ostruire l’entrata o l’uscita di altri veicoli viene segnalato per la rimozione.

ART. 13 - CURA DEI LOCALI

Studenti, Docenti e non Docenti devono avere cura dei locali, degli arredi e del materiale a disposizione della Scuola. Aule speciali e laboratori sono chiusi a cura del Responsabile al termine delle lezioni. L’Istituto non risponde di beni, oggetti preziosi e personali lasciati incustoditi o dimenticati. Nel caso si accertino danni (dovuti a dolo o a comportamenti non adeguati all’ambiente) ai locali, ai beni e agli arredi dell’Istituto, gli Organi Collegiali competenti e il Dirigente Scolastico valutano, dopo l’accertamento delle responsabilità, quali provvedimenti disciplinari adottare. Eventuali spese per la manutenzione o il rinnovo degli arredi sono a carico di chi ha procurato i danni. Nel caso in cui non risulti possibile individuare il/i responsabile/i del danno arrecato, esso è addebitato a coloro che hanno condiviso e/o utilizzato l’area interessata nel periodo in cui il danno si è verificato.

ART. 14 - RISPETTO DELL’AMBIENTE

Studenti, Docenti e non Docenti devono avere cura dell’ambiente operando per la riduzione degli sprechi delle risorse in genere. Studenti, Docenti e non Docenti devono, nel rispetto del regolamento del Comune di Firenze, ridurre la produzione di rifiuti, inoltre devono differenziare i rifiuti secondo le indicazioni riportate negli appositi contenitori. Gli studenti hanno l’obbligo di conferire i rifiuti differenziati delle proprie aule, quando i contenitori sono pieni, negli appositi contenitori posti all’ingresso, nei giorni assegnati alla classe ad inizio anno scolastico e comunque fuori dall’orario di lezione. Studenti, Docenti che utilizzando i laboratori di informatica hanno l’obbligo di ridurre il consumo di carta utilizzata per la stampa (riutilizzandola ove possibile). Studenti, Docenti e non Docenti devono chiudere l’illuminazione dei locali all’uscita dagli stessi ed inoltre hanno l’obbligo di spegnere le apparecchiature elettroniche una volta terminato l’uso.

ART. 15 - CONSEGNA DEI LOCALI E ACCESSO POMERIDIANO

Nel rispetto della normativa vigente agli Studenti è consentito, durante l’orario d’apertura, accedere ai locali dell’Istituto per svolgere attività di studio, di ricerca e di preparazione scolastica. A questo scopo devono, con almeno due giorni d’anticipo, presentare al Dirigente Scolastico una richiesta motivata indicando i partecipanti e l’orario di permanenza. E’ necessario che tra coloro che rimangono a scuola oltre l’orario delle lezioni siano presenti alunni maggiorenni in grado di garantire, assumendosene la responsabilità, un comportamento corretto e in armonia con le vigenti disposizioni, da parte di tutti i componenti del gruppo. L’Istituto disciplina le modalità di utilizzo dei propri spazi, anche attraverso convenzione con le varie Associazioni costituite secondo i termini di legge. Per eventuali danni arrecati alle aule (strutture, arredi e materiale in dotazione) i costi di manutenzione sono a carico dei responsabili.

ART. 16 - SALA DOCENTI

La sala Insegnanti è riservata al personale Docente; non è consentito agli Studenti accedere e sostare in essa se non alla presenza di Docenti. I Docenti non devono mandare gli Alunni a prendere i registri o altro in sala Docenti.

ART. 17 – AULE SPECIALI E LABORATORI

All’interno dei laboratori e delle aule speciali vengono mantenute le stesse distanze previste per le aule. Il laboratorio e tutte le attrezzature utilizzate vengono sanificate prima dell’accesso di nuove classi. L’accesso ai laboratori sarà regolamentato con un orario strutturato al fine di consentire tali operazioni. Nel caso di compresenze tra insegnanti, questi avranno cura di progettare il lavoro in modo condiviso e sinergico al fine di garantire tutte le necessarie misure di sicurezza.

L’accesso alle aule speciali e l’uso del materiale scientifico e tecnico in dotazione all’Istituto possono avvenire solo in presenza dell’Insegnante e/o del Responsabile. Ogni Responsabile delle aule speciali deve redigere e sottoporre al Consiglio d’Istituto apposito regolamento. Chiunque utilizzi tali aule è tenuto a prendere visione del regolamento e a rispettarlo. Il Dirigente Scolastico è tenuto a fornire gli strumenti adatti alla conservazione e alla custodia del materiale. E’ severamente vietato consumare cibi e bevande nelle aule speciali.

ART. 18 – USO DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DI ALTRI LOCALI DELL’ISTITUTO

Durante l’attività in palestra è previsto:

  • distanziamento interpersonale tra gli allievi ed il docente di almeno 2 metri;
  • distanziamento di almeno 2 metri anche tra gli allievi.

Saranno privilegiate le attività fisiche sportive individuali e all’aperto.

L’accesso alla palestra deve avvenire in maniera ordinata, utilizzando le entrate appositamente indicate. Tutte le componenti della comunità scolastica sono tenute a mantenere la palestra e i locali annessi nelle condizioni di pulizia e di igiene in cui sono consegnati. Le scarpe per l’attività sportiva devono essere indossate negli spogliatoi della palestra. I rappresentanti di classe hanno il compito di trasferire il registro di classe nei vari spostamenti della classe stessa. Gli alunni possono accedere alla palestra solo nelle ore di lezione e, comunque, sotto la sorveglianza di un Docente. Le attrezzature possono essere usate solo su autorizzazione degli Insegnanti e accuratamente riposte negli appositi spazi a fine lezione. Gli alunni, anche se esonerati/giustificati dalla lezione di educazione fisica, assistono comunque alle lezioni e possono allontanarsi dalla palestra solo con il permesso degli Insegnanti. Palestre, attrezzature sportive e locali dell’Istituto possono essere utilizzati da Associazioni sportive, Società o Enti in orario extra-scolastico e compatibilmente con le esigenze della Scuola, secondo quanto previsto dalle norme vigenti o da specifiche convenzioni con l’Amministrazione Provinciale.

Se le ore di lezione non sono le ultime della mattina, al fine di poter sanificare i locali, secondo la normativa vigente, le lezioni di scienze motorie termineranno con 10 minuti di anticipo, gli studenti si recheranno nella propria aula con il proprio docente, ordinatamente e indossando le mascherine.

Fino a che sono vigore le norme di contenimento del Covid-19 l’uso degli spogliatoi delle palestre è vietato. Le classi dovranno recarsi in palestra già vestite in modo adeguato all’attività motoria che verrà svolta.

ART. 19 – FUNZIONAMENTO DELLA BIBLIOTECA

La Biblioteca dell’Istituto è temporaneamente utilizzata come aula. Il prestito sarà opportunamente regolamentato da successive disposizioni.
In caso di ripristino della normale attività scolastica valgono le seguenti disposizioni.
La biblioteca è a disposizione degli Insegnanti e degli Studenti. Il Responsabile della Biblioteca deve stabilire all’inizio dell’anno scolastico l’orario d’accesso. Tutte le opere (volumi e riviste) sono consultabili. La presenza di classi deve essere concordata preventivamente con l’addetto al servizio. L’autorizzazione per le riproduzioni fotostatiche deve essere richiesta al personale della biblioteca, che ne valuta la legittimità e l’opportunità. Possono accedere al prestito gli Studenti ed il personale in servizio nell’Istituto. Di norma sono escluse dal prestito le opere di maggior valore economico, le enciclopedie, i vocabolari e gli atlanti. La durata del prestito è di due settimane; in caso di ulteriore necessità il prestito può essere prorogato per una sola volta per la durata massima di quindici giorni. Eventuali deroghe per necessità particolari, devono essere motivate ed autorizzate dal Dirigente Scolastico. Dizionari e Codici possono essere affidati alle classi per l’intero arco della mattinata. La responsabilità della restituzione e dell’integrità dei volumi è assunta all’atto del prestito.

ART. 20 – ASSEMBLEE STUDENTESCHE

Le assemblee di Istituto in presenza sono temporaneamente sospese, eventuali richieste di assemblee online verranno esaminate all’occorrenza.

Le assemblee di classe si svolgeranno in presenza del docente e nel rispetto delle norme vigenti.

Nel momento in cui le assemblee saranno ripristinate seguiranno le disposizioni seguenti:

L’ordine del giorno delle assemblee Studentesche, richieste nei modi previsti dalla normativa vigente e secondo le procedure stabilite dal regolamento di assemblea, deve essere verificato dal Dirigente Scolastico, quindi comunicato nelle classi ed affisso all’albo d’Istituto almeno cinque giorni lavorativi prima della data fissata per l’assemblea. Lo svolgimento delle assemblee è regolato da un apposito regolamento che gli Studenti devono darsi. Tale regolamento è inviato in copia al Dirigente Scolastico ed al Consiglio d’Istituto. Le assemblee di classe possono essere convocate in orario di lezione per due ore mensili, di norma non consecutive e in giorni diversi, presentando richiesta scritta al Dirigente Scolastico, unitamente all’ordine del giorno, con almeno tre giorni lavorativi di anticipo. Durante l’assemblea di classe gli Studenti sono tenuti ad osservare le regole che vigono normalmente nella Scuola. Gli insegnanti in orario devono rimanere in classe.

ART. 21 – PARTECIPAZIONE ALLE ASSEMBLEE

La partecipazione alle assemblee è un diritto degli Studenti. Il giorno in cui l’assemblea è convocata, la normale attività didattica è interrotta dall’ora di inizio dell’assemblea. Gli alunni sono tenuti ad informare i genitori della data, delle modalità e dell’orario di svolgimento dell’assemblea.

ART. 22 – RAPPORTI GENITORI-INSEGNANTI

Per tutto l’anno scolastico, vista la necessità di limitare gli accessi alla struttura scolastica e gli assembramenti conseguenti, i colloqui scuola-famiglia previsti in orario antimeridiano e pomeridiano saranno svolti in modalità telematica e tramite prenotazione sul Registro Elettronico. Sarà possibile utilizzare la piattaforma G-suite e gli strumenti che l’Istituto renderà disponibili e regolamenterà con apposite circolari.

Ulteriori contatti con le famiglie avvengono nell’ambito delle riunioni dei Consigli di Classe e delle eventuali assemblee aperte alla partecipazione di tutti i genitori.

ART. 23 – COMUNICAZIONI

Le comunicazioni vengono fatte preferibilmente via email; per quelle cartacee, il Dirigente Scolastico e gli Insegnanti ne curano la puntuale consegna agli Studenti; gli alunni sono tenuti a consegnare tempestivamente ai genitori il materiale ricevuto.

ART. 24 – RAPPORTI CON IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Il Dirigente Scolastico riceve quanti ne hanno necessità, previo appuntamento. L’appuntamento può essere richiesto tramite il modulo google pubblicato nel sito scolastico.

ART. 25 – AFFISSIONI

Le componenti della comunità scolastica possono affiggere manifesti ed esporre materiali attinenti alla vita scolastica, informando il Dirigente Scolastico. Il materiale sindacale viene affisso nell’apposita bacheca. La distribuzione di volantini e d’altro materiale di dibattito politico-culturale deve avvenire al di fuori dell’Istituto; non è ammessa all’interno della Scuola la vendita di giornali e riviste. Gli Studenti possono affiggere materiale relativo alle Associazioni Studentesche nell’atrio dell’Istituto.

ART. 26 – REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI ALUNNI

(Ai sensi del D.P.R. n. 249/98 Statuto delle Studentesse e degli Studenti modificato con D.P.R. n. 235/07) Il principio ispiratore del presente Atto è quello di favorire la crescita formativa e la maturazione personale degli Studenti secondo i valori più alti della civile convivenza; le motivazioni fondamentali nella stesura dello stesso consistono nella volontà di:

  • tutelare la dignità e l’integrità fisica delle diverse componenti scolastiche: Alunni, Corpo Docente e Non Docente, Dirigente Scolastico. La medesima volontà di tutela si ritiene estesa a tutti coloro che, per i motivi più svariati ma afferenti all’Istituzione, entrano nei locali della Scuola;
  • esigere e garantire correttezza nei rapporti interpersonali;
  • salvaguardare l’integrità di tutti i beni materiali, mobili e immobili, presenti nell’Istituto e nelle sue pertinenze esterne.

I doveri delle Studentesse e degli Studenti si identificano nei seguenti aspetti:

  • osservanza delle disposizioni organizzative (orari, permessi, divieto di fumo, visite esterne, gite ecc.) e delle disposizioni di sicurezza;
  • frequenza regolare delle lezioni ed assolvimento degli impegni di studio;
  • comportamento corretto durante le lezioni e in ogni momento di permanenza nella Scuola;
  • rispetto dei compagni, del personale della Scuola e di qualunque altra persona appartenente o meno alla comunità scolastica;
  • rispetto ed utilizzo corretto delle strutture, del materiale, delle attrezzature, dei sussidi didattici e dell’ambiente scolastico.

CODICE DISCIPLINARE

Le sanzioni disciplinari sono ispirate ai principi di gradualità, proporzionalità, giustizia; tendono al rafforzamento del senso di responsabilità e di rispetto, nonché al mantenimento di rapporti corretti all’interno della comunità scolastica, tenendo conto della situazione personale dello Studente. La responsabilità è personale. La sanzione, nell’ambito della comunità scolastica, viene adottata secondo criteri di trasparenza.

TIPOLOGIA DELLE INFRAZIONI

  • non rispettare le norme anti Covid-19 sopra menzionate;
  • non assolvere ai propri doveri di studio in maniera abituale;
  • avere assenze ingiustificate;
  • disturbare reiteratamente la lezione;
  • arrecare danni all’integrità di tutti i beni materiali, mobili e immobili, presenti nell’Istituto e nelle sue pertinenze esterne;
  • compiere atti che comportano offese gravi alle persone, al decoro individuale e collettivo e alle Istituzioni;
  • perpetrare azioni di vandalismo;
  • commettere atti di violenza singolarmente o in gruppo (bullismo);
  • commerciare sostanze illecite;
  • detenere armi proprie e/o improprie;
  • atti di appropriazione indebita.

TIPOLOGIA DELLE SANZIONI

  • ammonizione verbale, impartita in classe o privatamente;
  • ammonizione scritta sul registro di classe;
  • ammonizione annotata sul registro di classe, accompagnata da comunicazione formale alla famiglia;
  • rimborso in denaro pari all’entità del danno arrecato oppure riparazione del medesimo, se compatibile;
  • sospensione dalle lezioni previa comunicazione alla famiglia;
  • espulsione dalla Scuola;
  • denuncia alle Autorità competenti per infrazioni penalmente perseguibili.

EROGAZIONE DELLE SANZIONI

La denuncia dell’infrazione deve essere effettuata dal danneggiato, per via orale e/o scritta, al Docente Coordinatore della classe e al Dirigente Scolastico. La sanzione, a seconda della gravità, può essere erogata dai seguenti soggetti:

  • Insegnante interessato;
  • Coordinatore della Classe;
  • Consiglio di Classe;
  • Dirigente Scolastico.

Nessuno può essere sottoposto a sanzioni disciplinari senza essere stato prima chiamato ad esporre le proprie ragioni davanti al Coordinatore della Classe e/o al Dirigente Scolastico. I procedimenti per l’erogazione delle sanzioni diverse dall’ammonimento verbale e scritto devono concludersi entro quindici (15) giorni dalla data della contestazione del fatto. Contro le sanzioni disciplinari è ammesso ricorso all’Organo di Garanzia entro quindici giorni dalla comunicazione della sanzione applicata. L’organo di Garanzia si pronuncia in merito al ricorso entro quindici giorni dalla sua presentazione; in tal caso la sanzione è sospesa fino alla decisione dell’Organo di appello.

ART. 27 - ORGANO DI GARANZIA

L’organo di Garanzia d’Istituto è così composto:

  • Due Docenti designati dal Collegio Docenti;
  • Due Studenti eletti;
  • Due genitori eletti;
  • Il Dirigente Scolastico o un suo delegato.

Per la componente Docenti, Studenti e genitori viene eletto anche un membro supplente. Per la validità delle deliberazioni è necessaria la presenza della maggioranza dei componenti. Qualora uno o più componenti dell’Organo di Garanzia siano coinvolti nei fatti oggetto di decisione, questi non possono partecipare alla fase deliberante dei lavori.